La famille de l'Incarnation

Fraterntà dell Incarnazione

menu

Home > Spiritualité > Le charisme qui nous unit > Entra alla Scuola dell’Incarnazione …

Other languages :   es     en     fr  

Entra alla Scuola dell’Incarnazione …

Tutte le versioni di questo articolo: [English] [Español] [français] [italiano]

Sr Mercedes Lopez, superiora generala delle Orsuline de Gesù


Entra alla Scuola dell’Incarnazione …

Gesù è la « Materia » fondamentale,

E’ l’unico Maestro.

Ogni giorno, andrai a sederti ai suoi piedi,

come un vero discepolo,

nell’ascolto del suo insegnamento.

Ascoltare Gesù, “studiare” Gesù, “comprendere” Gesù,

sarà il tuo primo compito.

A questa scuola esiste un solo libro: il Vangelo,

E quattro sale di classe: Betlemme, Nazareth, la Galilea e Gerusalemme…

vi sono le finestre spalancate,

affinché il reale vi penetri a fiotto.

Anche la porta è molto grande, per andare nel mondo,

che appartiene a questa scuola.

Alla Scuola dell’Incarnazione,

Tu imparerai a « leggere» la sua Presenza,

nei sentieri distorti del mondo.

A ”scrivere” la tua vita, oggi, con questo sangue che scorre nelle tue vene,,

A “disegnare” i lineamenti di Gesù, sul tuo volto ,

“modellando” la tua argilla.

Alla Scuola dell’Incarnazione,

imparerai a “scoprire” la sua azione, nascosta o manifesta,

a “cantare” il tuo Signore, per tutta la tua vita.

a “giocare” il gioco evangelico di perdere per guadagnare,

per arrivare al paradosso delle Beatitudini.

Tu imparerai anche a vivere insieme,

con le tue compagne al banco della vita quotidiana,

a tessere, con loro, i tuoi sogni d’un mondo migliore.

Alla Scuola dell’Incarnazione,

tu imparerai, tu stessa,

a farti umana, al modo di Dio,

che è il modo migliore.

Alla Scuola dell’Incarnazione,

c’ è una allieva privilegiata :

Maria di Nazareth, la piena di grazia,

la prima discepola, quella che ha inaugurato la Scuola.

E’ la compagna migliore ,

cerca di diventare sua amica.

Ah! l’esame finale,

si farà sull’Amore,

Allora, fin d’ora, ti puoi sforzare,

con passione, per il « diploma »